14 febbraio 2024

ETF tematici: perché l'esperienza conta

WisdomTree ha progettato un approccio che integra l'esperienza nelle strategie tematiche, offrendo agli investitori un metodo per cogliere lo stato attuale dei diversi megatrend e come gli stessi si muovono


WisdomTree

Nel nostro recente sondaggio tra gli investitori professionali in Europa (Pan-Europe Professional Investor Survey Research), circa il 25% degli intervistati ha affermato che le strategie passive non offrono una selezione esperta dei titoli. Sebbene sia vero che molte strategie passive sono progettate per offrire agli investitori un'esposizione beta pura a benchmark noti come l'MSCI World o l'S&P 500, i veicoli passivi hanno un immenso margine da sfruttare per adottare un approccio intelligente, quando questo è ragionevole.

L'investimento tematico è una di tali aree. Investire nei megatrend significa avere un'idea sul futuro e puntare su ciò che trasformerà il mondo. In questo spazio, adottare un approccio beta non funziona perché significa guardare al passato anziché concentrarsi su ciò che ha in serbo il domani. Noi di WisdomTree crediamo che la selezione esperta dei titoli negli ETF (exchange-traded fund) passivi possa essere estremamente vantaggiosa per gli investitori.

Temi diversi richiedono approcci diversi
Alcune regole possono essere applicate universalmente. Quando si creano prodotti, si possono imporre filtri sostanzialmente simili tra i vari temi, ad esempio in termini di liquidità dei titoli, capitalizzazione di mercato ed ESG di base. Ma la selezione dei titoli in sé, dalla definizione di un universo di società idonee alla scelta e la ponderazione dei titoli, richiede un approccio personalizzato e adeguato al tema in questione.

Noi di WisdomTree collaboriamo con esperti dei diversi settori, che conoscono la materia e hanno esperienza nel tema. Ad esempio, per quanto riguarda l'artificial intelligence (AI), la nostra partnership con la Consumer Technology Association (CTA) ci ha aiutato a identificare la catena del valore dell'IA e la relativa importanza dei vari componenti della stessa. Definiamo la catena del valore dell'IA come composta da engager, ovvero aziende impegnate a fornire prodotti e servizi basati sull'IA, enabler, vale a dire aziende protagoniste di questo spazio che, tra gli altri, offrono prodotti e servizi che rendono possibile l'IA, e enhancer, ossia aziende che hanno un ruolo di primo piano nel campo dell'IA, ma il cui prodotto o servizio pertinente non rappresenta attualmente una parte fondamentale del loro fatturato.

Questo approccio è in netto contrasto con il modo in cui affrontiamo... (l'articolo prosegue qui)
 

Disclaimer
La presente documentazione è stata redatta da WisdomTree e dalle sue affiliate e non costituisce previsione, ricerca, consulenza di investimento, raccomandazione, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere titoli o ad adottare qualsivoglia strategia di investimento. Le opinioni espresse sono aggiornate alla data di redazione della documentazione e possono cambiare a seconda del variare delle condizioni. Le informazioni e le opinioni riportate nella presente documentazione derivano da fonti proprietarie e non proprietarie. Pertanto, WisdomTree, le sue affiliate o i suoi incaricati, dipendenti o agenti non garantiscono la correttezza e l’affidabilità delle stesse e declinano qualsiasi responsabilità derivante da errori e omissioni (ivi compresa la responsabilità nei confronti di qualunque persona per negligenza). Fare affidamento sulle informazioni nel presente materiale è ad esclusiva discrezione del lettore. I rendimenti ottenuti nel passato non sono un’indicazione affidabile dei rendimenti futuri.